Pagani

Pagani Automobili al Goodwood Festival of Speed 2022 con la nuova Pagani Huayra Codalunga, progettata insieme ai clienti

Per la prima volta davanti al pubblico Huayra Codalunga realizzata in soli 5 esemplari nata dalla visione congiunta del cliente e del designer; A Huayra R e Huayra Codalunga il compito di affrontare la mitica “hill climb” Tra le novità Huayra BC equipaggiata con lo speciale upgrade “Tempesta BC” Zonda Revolucion e Zonda Revo Barchetta completano la presenza del marchio dal 23 al 26 giugno

San Cesario Sul Panaro, 20 giugno 2022 – Dal 23 al 26 giugno Pagani Automobili ritorna al Goodwood Festival of Speed, uno dei più celebri e attesi eventi dedicati al mondo dei motori che riunisce nella Contea del West Sussex migliaia di appassionati e presenta un mix eterogeneo di veicoli a due e quattro ruote pronte a cimentarsi nella storica “hill-climb”.

Quest’anno Pagani Automobili ha scelto la cornice della campagna inglese per presentare ufficialmente al pubblico Huayra Codalunga, la nuova opera di design e tecnologia nata nell’Atelier di San Cesario sul Panaro: nel Supercar Paddock sarà esposto uno degli esemplari previsti per questa serie ultra-limitata.

Un progetto su misura domandato dal cliente Pagani e realizzato a quattro mani con la divisione Pagani Grandi Complicazioni (PGC), dove le possibilità di ideazione e personalizzazione per le vetture sono praticamente infinite. Ogni Hyercar è il risultato di un lungo e preciso percorso di accompagnamento del cliente per interpretare i suoi gusti e desideri. L’ambizione e lo sforzo collettivo sono di creare un’opera d’arte nel segno dell’eccellenza Pagani per il committente. Per fare ciò, PGC è composto da un team multidisciplinare che segue minuziosamente creazione, progettazione e sviluppo di ogni esemplare.

La Codalunga parte dallo stile semplice e lineare di Huayra Coupé, ed è stata allungata e carteggiata, quasi accarezzata e erosa dal vento, per renderla ancora più elegante. Di forte ispirazione per il progetto anche le codalunga degli anni ‘60 di Le Mans, automobili dalle linee molto pulite. Infatti anche la Huayra Codalunga è composta da pochi essenziali elementi. Il lavoro di “togliere anziché aggiungere”, unito all’applicazione dello stato dell’arte dei sistemi in materiali compositi avanzati, ha permesso a Codalunga di raggiungere il peso piuma di 1280 kg a secco. Sotto il cofano posteriore di oltre 3,7 mq, più lungo di 360 mm rispetto alla coupé, si cela un prodigio di meccanica: l’esuberante motore Pagani V12, capace di sviluppare 840 cv e 1,100 Nm. Di particolare pregio l’allestimento dedicato alla serie, i cui particolari sono un omaggio tanto alla passione automobilistica quanto all’artigianato manuale tipico della Motor Valley.

Altra novità in mostra a Goodwood, la Huayra BC Coupé equipaggiata con il pacchetto “Tempesta” che comprende un insieme di miglioramenti e di soluzioni vòlti a sprigionare tutto il carattere puramente racing della vettura, nuovi sono: lo splitter anteriore con presa d’aria dedicata, l’ala posteriore con pinna centrale integrata, il sistema di scarico a sei tubi, il sistema delle sospensioni. L’upgrade prevede anche miglioramenti significativi a livello di powertrain che beneficia di un importante lavoro di potenziamento fino 827 CV e 1.100 Nm di coppia, a livello di comfort, grazie dell’innovativa modalità di guida Soft Mode, e a livello estetico grazie alle nuove possibilità di configurazione di interni ed esterni. 

A completare la presenza di Pagani Automobili, la mitica Zonda Revolucion e l’inedita Zonda Revo Barchetta, esemplare one-off concepito da Horacio Pagani per emozionare e far sognare al primo sguardo. Dietro alla bellezza e all’eleganza ispirate alla Zonda HP Barchetta stradale, si celano un’anima ribelle e un concentrato di prestazioni al livello della Zonda Revolución. Il motore V12 aspirato Mercedes-AMG eroga fino a 800 cavalli e 750 Nm coppia e, all’aumentare dei giri, il sound emesso dallo scarico in titanio rivestito in ceramica è un boato di emozioni. L’ambizioso progetto di unire due delle vetture più iconiche del brand ha richiesto al Team Pagani uno sforzo non indifferente, in particolare per sviluppare una monoscocca dedicata solo per questo modello applicando i più avanzati sistemi in materiali compositi avanzati. Nonostante l’animo racing, nulla è lasciato al caso sulla vettura e anche il dettaglio più piccolo è curato maniacalmente, come nel caso delle componenti in alluminio anodizzato blu ricavate dal pieno. La livrea, che ha richiesto due anni per essere definita, trova spunto da uno dei modellini in alluminio in stile Can-Am esposti al Horacio Pagani Museo, creato negli anni ‘60 dallo stesso Horacio. Più che una vettura, la Revo Barchetta è un omaggio alla passione per l’automobile.

Mentre a cimentarsi nella famosa hill climb saranno la Huayra R, il modello lanciato lo scorso anno e attualmente in produzione, e la nuovissima Huayra Codalunga. 

Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close