BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda admin » 07/11/2013, 12:56

L'argomento è ormai di interesse generale, soprattutto tra gli studenti di Ingegneria del Veicolo, ma anche tra i ragazzi che si interessano ancora di auto in generale.

Ovviamente mi riferisco alla Tesi di Laurea di Giovanni Materassi, che riguarda lo studio di un ipotetico nuovo modello Ferrari, sulla base del layout della 458 Italia e che, oltre allo stile, coinvolge anche un interessante aspetto di engineering, con una inedita, quanto controversa, apertura di porta, che potete vedere ai link sottostanti:

http://www.menudeimotori.eu/blog/wp-con ... a/2075.gif
http://www.menudeimotori.eu/blog/wp-con ... a/2073.gif
http://www.menudeimotori.eu/blog/wp-con ... a/2441.gif

è ovvio che una tale soluzione, solo per il suo contenuto intrinseco d'innovazione, porterà ad innumerevoli difficoltà da risolvere, soprattutto per quanto riguarda le problematiche legate ad una eventuale industrializzazione, piuttosto che a quelle legate alle normative internazionali di sicurezza per l'omologazione dei veicoli stradali.

INVITO QUINDI TUTTI QUANTI AD ESPRIMERE LIBERAMENTE GIUDIZI, CRITICHE (purché siano costruttive) ED ANCHE INDICARE EVENTUALI SOLUZIONI POSSIBILI!!!

Allego anche due render provvisori, dal 3D, che il Prof. Fabrizio Ferrari, tutor di riferimento per questo progetto di ricerca, mi ha autorizzato a pubblicare, per chi vorrà invece esprimersi in un giudizio estetico, sempre molto personale, ma comunque interessante. :)
http://www.menudeimotori.eu/blog/wp-con ... F149-2.jpg
http://www.menudeimotori.eu/blog/wp-con ... F149-1.jpg
admin
Amministratore
 
Messaggi: 42
Iscritto il: 16/07/2013, 22:49

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda Fabbri » 12/11/2013, 11:19

Il progetto di ricerca è nato circa un anno fa, con un'altra tesi (link):

http://www.menudeimotori.eu/blog/tesi-d ... rrari-458/

dove lo studente aveva cercato di risolvere principalmente i problemi legati all'adattamento del telaio ed al layout in generale.

Poi, all'inizio del 2013, un nuovo tirocinante, ha iniziato a studiare, su quella stessa base, quello che poteva essere un insieme omogeneo, per una carrozzeria che presentasse anche delle valenze, sia di stile, sia di funzionalità (aerodinamica, ergonomia, norme dii omologazione, riproducibilità industriale, ecc.).
Lo studio, ora in fase di conclusione, ha già portato ai risultati che potete osservare in questi articoli (link):

http://www.menudeimotori.com/index.php? ... 2&catid=17

http://www.menudeimotori.eu/blog/tesi-l ... llo-scala/

ed alla fine porterà anche ad una prima realizzazione di un modello in scala, con ogni probabilità asimmetrico (da un lato la porta aperta, dall'altro chiusa), oltre a tutta una serie di innovazioni dedicata all'aerodinamica attiva della stessa carrozzeria.

Ma tutto questo ancora non basta e quindi, con ogni probabilità, ci sarà una terza fase (con un nuovo tirocinante, all'interno di un'azienda specializzata), per lo sviluppo dell'engineering del meccanismo della porta stessa.

Certamente Vi terrò aggiornati, ma mi aspetterei almeno qualche commento/suggerimento, soprattutto in questa fase, che preferisco definire ancora preliminare ...
Fabbri
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 01/09/2013, 17:00

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda PianetaMO » 15/11/2013, 15:49

non sono un tecnico e mi sembra una cosa interessante, ma probabilmente non facile da realizzare (forse anche irrealizzabile ...)! 8-)

Diversamente, non si spiega come mai nessuna casa automobilistica ci abbia mai pensato! :o

Nemmeno per fare una vettura da salone! :twisted: STRANO ...
PianetaMO
 
Messaggi: 20
Iscritto il: 08/10/2013, 9:21

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda Fabbri » 16/11/2013, 13:57

Ovviamente il progetto di ricerca non è ancora totalmente divulgabile. :)

In più, la sperimentazione è tutt'ora in corso e sono da realizzare alcuni prototipi, a supporto della ricerca e dello studio virtuale in 3D! 8-)

Certo è incredibili che nessuno sinora ci abbia mai pensato! 8-)

Ma è ovvio che ci deve pur esssere sempre una prima volta, per ogni cosa!!! :D

Siamo comunque aperti a eventuali richieste, idee, critiche (purché costruttive), suggerimenti, ecc.

e soprattutto, Vi terremo aggiornati, al momento opportuno! :P
Fabbri
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 01/09/2013, 17:00

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda davidedessi » 16/11/2013, 20:17

L'idea della portiera è più che geniale .... è una di quelle tipiche soluzioni estetiche che potrebbe lasciare il segno anche con l'andare del tempo... piuttosto credo sarà un bel rompi capo studiare i vari cinematismi che permettano quel tipo di apertura anche se non ho alcun dubbio nella riuscita di tale soluzione :D ...(più che altro bisognerà spicciarsi prima che qualcun altro possa rubare l'idea :P ) .
Sono estremamente curioso di vedere come sarà il modellino in scala per poter avere un riscontro plasmato di questa idea che sulla carta è sicuramente valida in ogni suo aspetto, dai contenuti stilistici alle soluzioni extra-innovative come appunto l'apertura della portiera.
Continuate a tenerci aggiornati sulle fasi progettuali, in bocca al lupo e a presto !! :mrgreen:
davidedessi
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 01/10/2013, 15:43
Località: cagliari

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda Fabbri » 29/11/2013, 11:21

Grazie per l'appoggio Davide.

Ti assicuro che, oltre al modello in scala, sarà poi realizzato entro un anno anche un prototipo (mock up) in scala reale con la porta funzionante.

L'aspetto interessante è che, dopo aver risolto i problemi di funzionamento puramente "meccanico" (compresa eventuale pre-industrializzazione e tempistiche di movimentazione, che sono comunque fondamentali), la soluzione sarà assolutamente e completamente "automatizzabile": tramite appositi sensori ed un programma dedicato in centralina, sarà possibile il movimento (in apertura e chiusura, con relativo blocco), completamente in automatico, oppure, a scelta, anche con comando vocale!!!

Cosa ne pensate?
Fabbri
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 01/09/2013, 17:00

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda marc-franc » 18/12/2013, 15:15

Per me l'dea è molto interessante, soprattutto perché porta una novità, cosa rara nel mondo dell' automotive di oggi. Molto importante secondo me presentarla su una macchina molto valida esteticamente , proprio come quella delle immagini, per colpire comunque anche i più scettici.
Al momento il problema maggiore secondo me, è l'eccessiva complessità del meccanismo: troppe parti mobili. Per aprire la portiera è necessario abbassare il vetro e sollevare un pannello del tetto. In quanto tempo avviene tutta l'operazione? Almeno il tetto dovrebbe restare fisso. IL massimo sarebbe anche eliminare la necessità di abbassare il finestrino, ma capisco che questo potrebbe intaccare un po troppo il design, che deve come detto restare al top.
marc-franc
 
Messaggi: 1
Iscritto il: 18/12/2013, 13:38

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda Fabbri » 19/12/2013, 12:19

Ti ringrazio marc-franc.

Voglio solo precisare che, l'apertura del pannello del tetto è solo una opportunità in più, nel caso si arrivasse a stabilire, in sede di validazione del primo prototipo, che l'ergonomia di entrata ed uscita di OSCAR è troppo limitata (e limitante), ma si tratta solo di una ulteriore possibilità, al momento del tutto teorica!

Mentre la discesa del finestrino "a giorno" (senza cornice) nella porta, la trovo assolutamente indispensabile, non solo per l'estetica della vettura, ma anche per non aggravare la stessa complessità del progetto. pensa solo alla complicazione di un vano che accoglie la porta non ermeticamente protetto (come invece dovrebbe essere), perché "aperto" nella parte superiore ... (per far posto al finestrino sporgente!

Non mi sembra il caso! In realtà, la complessità dei meccanismi e la stessa velocità di reazione degli stessi, dipende solo da un più o meno attento studio ed accoppiamento di tutte le componenti necessarie.

Con questo non voglio certo dire che sia una cosa facile, tutt'altro! Ma è chiaro che si tratta di una sperimentazione che non sarà certo ne breve, ne tantomeno priva di ostacoli, ma non per questo certo troppo difficile!
Fabbri
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 01/09/2013, 17:00

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda zimo » 20/12/2013, 10:28

Buon giorno ... giusto l altro giorno mi è capitato di vedere il programma su dmax "Chasing classic cars" nel quale il sig.Carini andava a valutare un collezione di auto in USA composta da più di 50/60 auto tra le quali anche una con "apertura" sportelli con lo stesso principio di quella qui proposta(naturalmente molto più semplice).Purtroppo non ricordo il nome(o se fosse un prototipo) ma mi sembra fosse una spider anni 50/60 e lo sportello in pezzo unico rientrava nella parte posteriore del passaruota anteriore. Non so se questo fosse noto Quando ho 5 minuti vedo se su YouTube si trova la puntata. ...il mio vuole essere solo un suggerimento di ricerca e uno sprone per un idea che personalmente piace molto. Spero di essere stato utile!!
Ciao a tutti
zimo
 
Messaggi: 2
Iscritto il: 03/12/2013, 0:16

Re: BREVETTO PORTA A SCOMPARSA - VANTAGGI E SVANTAGGI

Messaggioda Fabbri » 20/12/2013, 22:08

Grazie Zimo,

ne ero al corrente: è la Kaiser Darrin del 1954. Spider a motore anteriore, realizzata in pochissimi esemplari negli USA.

Si trattava però di uno sportello senza finestrino e nemmeno senza alcun meccanismo particolare per farlo funzionare (rientrava "a mano" ...)

Se è per questo, anche la ben più recente BMW Z1 aveva lo sportello che rientrava nel sottoporta, ma quest'ultimo era così alto che, per entrare agevolmente in vetture, occorreva, quasi obbligatoriamente, aver rimosso il tettuccio asportabile!

Nel nostro caso, pur non avendo "inventato" nulla da zero (ormai quasi tutto è stato fatto e rifatto), ci sono una serie di applicazioni, quelle si, davvero uniche; ma che, ovviamente, non posso svelare ora ...

Basti pensare solo alle automazioni, oppure agli odierni criteri di sicurezza in caso d'urto, per l'omologazione ...

e non è ancora finita qui ...
Fabbri
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 01/09/2013, 17:00

Prossimo

Torna a Tesi di laurea e tirocini Ingegneria del veicolo Modena

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 0 ospiti

cron