Carrozzeria, interni e prototipiMenu dei MotoriPIANETA MODENARestauro e ricostruzione DOC

ELIS GARUTI: È IMPROVVISAMENTE MANCATO UNO DEGLI STORICI ARTIGIANI MODENESI

FACENTE PARTE DELLA SCUOLA DEI BATTILASTRA CRESCIUTI ALLA SPORT CARS DI PIERO DROGO, ELIS GARUTI ERA UNO DEI PIÙ ABILI, MA SOPRATTUTTO UNO DEI PIÙ APPASSIONATI.

DOPO LA FORMAZIONE GIOVANILE ALLA CORTE DI PIERO DROGO, NEGLI ANNI ’60 DEL SECOLO SCORSO, ALL’INTERNO DELLA FAMOSA CARROZZERIA MODENESE SPORT CARS – DOVE NACQUERO, TRA LE ALTRE, ANCHE LE CARROZZERIE DELLE MITICHE FERRARI 330 P3 E P4 – ELIS GARUTI SI ERA POI MESSO IN PROPRIO ED HA OPERATO PER ANNI A RUBIERA (RE), VICINISSIMO AL CONFINE CON IL TERRITORIO MODENESE. MA SOPRATTUTTO CON LO SPIRITO MODENESE DEGLI STORICI E FAMOSI BATTILASTRA, CRESCIUTI ALLA VARIE SCUOLE DI SCAGLIETTI, FANTUZZI E, APPUNTO, LA SPORT CARS DI PIERO DROGO, ATTIVA SOLO PER UN DECENNIO, MA FAMOSA PER I SUOI PROTOTIPI E LE COSTRUZIONI ARTIGIANALI DI AUTO IN ESEMPLARE UNICO: QUELLE CHE OGGI DEFINIAMO COMUNEMENTE “ONE-OFF”.

E DI QUELLA SCUOLA, ELIS GARUTI AVEVA MANTENUTO E SVILUPPATO, NON SOLO I PREZIOSI INSEGNAMENTI PRATICI DEL MESTIERE, MA SOPRATTUTTO LO SPIRITO. QUELLO SPIRITO CHE TRASFORMAVA IL SUO LAVORO IN VERA ARTE, DA GRANDE APPASSIONATO ED ENTUSIASTA QUALE È SEMPRE STATO, PER TUTTO IL TEMPO IN CUI HO AVUTO LA FORTUNA DI FREQUENTARLO.

UNA PASSIONE ED UN ENTUSIASMO CONTAGIOSI: SEMPRE PRONTO AD “IMBARCARSI” IN UNA NUOVA AVVENTURA, SOPRATTUTTO SE SI TRATTAVA DEL PROGETTO, O ANCHE SOLO DELL’IDEA DI UN PROTOTIPO DI UNA NUOVA AUTO. ANCHE SE IN REALTÀ, IL SUO LAVORO PRINCIPALE, COME QUELLO DI TANTI ALTRI ARTIGIANI BATTILASTRA DELLA LAMIERA, CONSISTEVA NEL RESTAURO O NELLA RICOSTRUZIONE DI AUTO D’EPOCA.

MA ANCHE IN QUESTO SI DISTINGUEVA DAGLI ALTRI: INFATTI, NON RICERCAVA LE AUTO PIÙ FAMOSE O COSTOSE, BENSÌ ERA SEMPRE ENTUSIASTA DI POTER RICOSTRUIRE E RIPORTARE AL NUOVO MODELLI SPECIALI, MAGARI POCO CONOSCIUTI, MA NON PER QUESTO MENO IMPORTANTI PER LA STORIA.

RICORDO NELLA SUA OFFICINA DI RUBIERA TANTI MODELLI STRANI, CHE NON AVREI MAI PIÙ INCONTRATO DA NESSUN ALTRA PARTE: BARCHETTE DA CORSA ANNI ’50, COME TARASCHI, STANGUELLINI, DE SANCTIS, OPPURE LE TOJERO-JAGUAR, UNA INTERMECCANICA ITALIA (DESIGN FRANCO SCAGLIONE) E, NEGLI ULTIMI ANNI, ANCHE LA AGUZZOLI CONDOR A MOTORE ALFA ROMEO!

RICORDERÒ PER SEMPRE IL SUO ORGOGLIO E LA SODDISFAZIONE, PER ESSERE STATO PUBBLICATO IN COPERTINA DI UNO SPECIALE DEL MENSILE AM DELLA MONDADORI, DEDICATO, APPUNTO, ALL’ARTIGIANATO MODENESE, CHE NEL 1994 ERA STATO PUBBLICATO COME ESTRATTO DI UNA SERIE DI ARTICOLI DEL SOTTOSCRITTO.

NON A CASO, ELIS È STATO ANCHE UNO DEI PIÙ ACCESI SOSTENITORI DELL’IDEA DEL “MENU DEI MOTORI”, NEL 1996 , GIUSTO 25 ANNI FA, QUANDO IL SOTTOSCRITTO SI ACCINGEVA A FAR PARTIRE L’INIZIATIVA, DIVENUTA POI STORICA, INSIEME A LAURO MALAVOLTI; ED ELIS, INFATTI FU UNO DEI PRIMI CONVINTI SOSTENITORI E SPONSOR!

INFINE, NON POTRÒ MAI DIMENTICARE LE CENE ED I PRANZI A CUI SEMPRE MI INVITAVA, APPENA CHE NE AVEVAMO L’OCCASIONE, OGNI VOLTA MOMENTI UNICI PER FANTASTICARE INSIEME SU NUOVI PROGETTI, AL PUNTO CHE LA COMUNE PASSIONE AVEVA BEN PRESTO TRASFORMATO IL NOSTRO RAPPORTO PROFESSIONALE IN VERA AMICIZIA!

RIPOSA IN PACE ELIS: SONO SICURO CHE ANCHE DOVE SEI ORA, STAI GIÀ PROGETTANDO LA COSTRUZIONE DI NUOVI PROTOTIPI CHE, CON LA TUA PASSIONE, ENTUSIAMO E MAESTRIA, SONO CERTO CHE NON POTRANNO CHE ESSERE BELLISSIMI!

FABRIZIO FERRARI

Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close